06 marzo 2013

Un particolare fascismo

Si assiste in questi giorni alla rincorsa giornalistica per avere una sulle possibili intenzioni politiche da parte del Movimento 5 Stelle.
Si è più volte ricordato quali sono i limiti di un tipo di approccio come quello propugnato da Grillo con il suo blog, così come le sue proposte. Uno su tutti: l'appeal che esercitano teorie complottiste e poco fondate sui "grillini".

Ieri la rivista Internazionale ha riportato la traduzione di un articolo di El Pais intitolato La tercera Repùblica italiana. Il blog di Beppe Grillo ha ripreso in maniera entusiastica la dichiarazione del giornalista spagnolo omettendo però l'attacco del paragrafo dove si allude ad una congruenza tra l'ascesa del fascismo e il laboratorio politico del Movimento 5 Stelle. La vicenda è riassunta brevemente dal blog Nonleggerlo.

Per il momento sembra non vi sia nel programma di Grillo una politica economica realmente definita (non si parla di lavoro, di sviluppo, di debito pubblico), ma si fanno solo alcuni riferimenti alle teorie di Pallante.
Le dichiarazioni degli esponenti, a partire da alcune discutibili affermazioni sul fascismo, fino alla lotta verso cospirazioni suggerite da documentari, non sono slegate dal modo di ragionare e dall'impostazione generale dell'intero Movimentoe: come ha evidenziato attentamente Wired, si sostengono posizioni prive di riscontri logici e scientifici, e mentre alcune proposte possono essere innocue, altre corrono il rischio di essere prese sul serio.

25 commenti:

  1. ho appena visto un video d'un giovane parlamentare del m5s che mostrava Zeitgeist dicendo "questo documentario m'ha fatto scoprire tante verità nascoste" , "negli USA stanno già mettendo microchip dentro le persone per controllarle, noi del m5s siamo ben consapevoli di queste cose" eccetera eccetera

    Raccapricciante...in che mani siamo....complottisti al potere POVERI NOI!

    (per chi non lo sapesse Zeitgeist è un film-spazzatura stracolmo d'errori,imprecisioni, menzogne e cavolate madornali, ormai completamente sbufalato in varie lingue, e di cui ci siamo occupati a suo tempo anche in questo blog, su ogni genere di complotto massonico-internazionale, con speciale enfasi sul signoraggio..).

    In che mani siamo...un nerd della rete a occhi di appena un paio d'anni più di me, ignorante complottista in parlamento...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione di preoccuparti.

      Forse era lo stesso che ho sentito anch'io e io ho notato una roba ancor più preoccupante: dietro il grillino intervistato c'era un tavolo di grillini che discutevano. Hanno chiesto al grillino se avevano gente in grado di governare. Lui ha risposto che il problema al momento non si poneva, che se avessero avuto l'incarico ci avrebbero pensato, che comunque come metodo loro interpellano la rete (ecco il significato simbolico del tavolo sullo sfondo)... quando ci sarà da parlare di soldi contatteranno Pascucci :-)

      Non vorrei gravare sulle tue giovani spalle, ma un po' di colpa ce l'avete anche voi :-)


      Elimina
    2. quelli sono capaci di contattare Icke

      siamo messi veramente male male, che dialogo vuoi avere con uno che pensa ci siamo 4 "Illuminati" delle banche centrali a manovrare l'intero mondo?
      Quali 8 punti programmatici gli proponi per avere la fiducia?
      Come lo convinci? Non ce n'è, vivono nel mondo delle favole, che proponi?

      arriveranno davvero al potere i complottisti fra pochi mesi purtroppo

      Elimina
    3. "Non vorrei gravare sulle tue giovani spalle, ma un po' di colpa ce l'avete anche voi :-)"

      eh lo so, ci mancherebbe...purtroppo è verissimo quello che ha detto D'Alema:

      "noi facciamo e proponiamo pure cose nuove, ma un 65enne che fa cose vecchissime come prendere a calci i giornalisti appare più nuovo di noi"

      Elimina
  2. Già, però molti hanno votato Grillo perché la loro "indignazione" non ha trovato altra sponda a cui approdare.

    Ti faccio un esempio:
    In vikipedia vengono giustamente contestate le bufale signoraggiste, però non vi si descrive brevemente e semplicemente il meccanismo di emissione monetaria (si tende ad un esposizione colta, di tipo universitario) ma non si fanno notare i rilevanti costi del sistema e neppure sono descritti, sempre brevemente e sinteticamente, le possibili alternative. Neanche si dà una spiegazione semplice del perché le bufale sono tali.

    Immaginati uno qualsiasi che sente parlare di "signoraggio" e delle sue malefatte: se va su viki (e non intende spederci una vita) credi che ci capisca qualcosa? Resta più dubbioso di prima (ne ho la riprova con mia figlia, architetto e non stupida, che grazie a youtube se l'era bevuta).

    Allora ho tentato di "aggiungere" una spiegazione del tipo che dicevo tentando però di esporre anche l' "intera verità".

    Credi che gli amministratori (evidentemente "di parte") me l'abbiano permesso? Hanno cancellato tutto, compreso una "aggiunta" alla voce "partita doppia" che avrebbe messo "chiunque" in grado di comprendere la fola del "denaro nel passivo" !!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. il signoraggio per lo Stato è un attivo non un passivo, non c'è nessun costo del sistema

      costi amministratiuvi ce ne sarebbero anche se l'euro lo emettesse un altro ente a caso dell'Unione Europea...

      Allora mettiamo i costi della giustizia, del ministero dell'economia, di qualsiasi cosa...
      Ma è fuoriluogo in una voce enciclopedica.
      Per una singola cosa che ci s'ha un sistema pubblico che funziona, che ci mette al riparo da gravi inflazioni, che permette allo Stato anche di guadagnarci, bisogna buttarlo via...
      Bisogna cambiare politiche monetarie EUROPEE e metterle in linea con quelle internazionali, (poter svalutare di più eccetera eccetera), non rivoluzionare il sistema monetario internazionale. Quello è una delle poche cose che restano che funzionano.

      Prima su wikipedia era spiegata bene e semplicemente la bufala del signoraggio.
      Poi vollero fare questo saggio universitario a tutto vantaggio dei complottisti perchè l'italiano medio che guarda non ci capisce nulla, mentre le cavolate di Pascucci le capisce subito.

      Ma non è per il signoraggio che ha avuto successo Grillo, semplicemente c'è una parte della popolazione che ha talmente tanto odio per la casta politica che pensa che si possa risolvere tutto gravando su di essa.
      Come prima si puntava il dito contro gli ebrei, o contro i kulaki, loro lo puntano contro i politici.
      Che certo i politici ne hanno combinate tante, ma si dica anche CHI ha fatto aumentare deficit e debito e CHI il contrario, si dica CHI ha fatto le cose più inique e CHI un po' meno eccetera
      Se si dice che sono tutti uguali: si prendano le finanziarie, le leggi sulle liberalizzazioni eccetera e si indichino i punti uguali.


      Io sono il primo a volere maggior controllo sulla casta, ma informandomi sulle politiche vedi che uguali non sono, anche perchè devono cercare di convincere elettorati diversi.
      C'è chi fa le primarie e le parlamentarie e chi fa la monarchia assoluta....Ce ne sono differenze, solo che l'italiano medio è superficiale e queste cose non le vede o non gli dà importanza.

      Hanno votato Grillo per indignazione, ma questo dimostra anche una facilità ad essere manipolati ed infinocchiati dal populista di turno.
      Che quando saremo usciti dall'euro e si morirà di fame, allora saranno indignati anche con Grillo, ma sarà troppo tardi.
      La stessa attitudine al populismo con cui Berlusconi ha potuto vincere tutte queste elezioni.
      Sono sicuro che in Svezia ad esempio non votano chi la spara più grossa, ma chi è più responsabile e pragmatico.

      Elimina
    2. La Banca d'Italia costa 1,8 mld annui e il lavoro lo fa la BCE. Lo stesso Draghi se ne vergognava e cominciò a chiudere un po' di filiali (osteggiato però da politici locali abituati a raccomandare i propri amici per un impiego alla BDI). E' fuor di dubbio che almeno un miliardino sia sciupato (io dico di più e questo è il vero "signoraggio").

      Che la BDI "controlli" s'è visto con la MPS. Che il sistema delle Banche Centrali abbia evitato "guai peggiori" (come ha detto Obama)a seguito dei mutui americani non lo crede nessuno di quelli che sono (giustamente) indignati. Che le teorie keynesiane meritino un'attenta valutazione lo capiscono in molti (anche non indignati, difatti pure tu sei d'accordo). Forse pure Draghi lo capisce ma la maggioranza dei suoi confratelli no, e neanche i tedeschi, perché oggi non ne hanno bisogno (il loro prodotto non subisce l'attacco cinese).

      Guarda che io mica chiuderei le filiali della BDI, lascerei i compiti da Banca Centrale (controlli compresi) alla BCE (semprecchè si faccia sta benedetta Europa politica) e la BDI la nazionalizzerei, ci appiccicherei le Poste che sono un'altra Banca e con questa BANCA PUBBLICA farei un po' di CONCORRENZA alle Banche Private così la smettono di fare cartello e forse un po' dei soldi della BCE all'1% invece d'essere investiti al 4% in titoli di stato andrebbero a fare un po' di CREDITO.

      Se t'interessa ti mando per email il capitoletto che volevo aggiungere in vikipedia. Anche Gian lo ha visto, gli ho chiesto se c'erano errori e mi ha risposto grossomodo: "a prima vista va bene". Magari tu trovi i miei errori e mi critichi a ragion veduta.

      Poi, se mai tu avessi problemi con la partita doppia, ti posso mandare pure l'inserto (pure cancellato) che spiega il meccanismo in un paio di pagine.

      Naturalmente non c'è solo il signoraggio che dirotta gli "indignati onesti" verso i ballisti. Moltissime sono le cose illustrate dai benpensanti con "mezze verità" che ormai suonano fesse. Era solo un esempio.

      Elimina
    3. su MPS non hanno sbagliato: non è compito della banca d'italia controllare le banche quando agiscono come imprese che comprano altre aziende bancarie

      Elimina
    4. Ah pardon, mica solo la BDI costa troppo, pure la Presidenza della Repubblica, Il Parlamento, Le Regioni, Le Provincie, I Ministeri, il capo della polizia, gli F35 ecc.

      Se uno vuol sapere cosa fa la BDI glielo puoi spiegare in mezza pagina e visto che gli interessati lo sono per lo più avendo sentito parlare di "signoraggio" gli devi spiegare in parole semplici (ed è possibile) il moltiplicatore, il denaro nel passivo eccetera, gli devi dare alcune cifre tratte dal bilancio della BDI per fargli capire che il DEBITO PUBBLICO non si può cancellare con un giroconto e già che ci sei gli puoi dire anche quanto ci costa la BDI. Tutta roba lincabile dal sito della BDI stessa. Così si fa informazione esauriente: tutti gli aspetti fondamentali vanno citati, solo così uno può capire che i signoraggisti contano balle, niente d'essenziale va sottinteso.

      Elimina
    5. Scusa Gino ma anche tua figlia ha il classico approccio sbagliato che ormai ha preso piede ovunque: l'ultima cosa da fare per avere delle informazioni su un argomento è proprio leggere uicchipedia e/o guardare un filmato su youtube.
      Sai quante volte di fronte ad autentiche minchiate scritte sui due suddetti "fonti del sapere modermo" a cui contrapponevo le "fonti originali" mi sono sentito dire: "sono le tue fonti a essere sbagliate: su uicchi/yt dicono tutt'altro". Della serie: "se la realtà contraddice uicchi/yt, è la realtà a sbagliare."

      Elimina
    6. Giustissimo. Internet e l'informatica in generale, invece di stimolare la zucca (come pareva agli albori), sta rincretinendo la gente.

      Però, stando sul "signoraggio", dove trovi un'informazione concisa, comprensibile da tutti, e che non taccia gli elementi obiettivi di critica al sistema moneta?

      Litigando con gli amministratori della voce ho cercato di coinvolgere altri vikipediani: ho trovato solo gente schierata o da una parte o dall'altra. Dopo aver pazientemente spiegato perché le bufale erano tali e chiesto però aiuto però per poter dire tutto quello che era vero (vero perché ricavabile direttamente dal sito della BDI) un signoraggista m'ha consigliato di lasciar perdere perché contro i muri di gomma non c'è nulla da fare e che le bufale non erano tali perché dove c'è fumo c'è anche arrosto (alla faccia della logica)

      Questo risultato è inevitabile quando in giro c'è gente solo di parte.

      Elimina
    7. Però, stando sul "signoraggio", dove trovi un'informazione concisa, comprensibile da tutti, e che non taccia gli elementi obiettivi di critica al sistema moneta?

      Non di certo in uicchipedia e/o yt. E neanche perdo (più) tempo a far sì di farne trovare lì, considerando che per la prima ho avuto esperienze pessime che hanno confermato (e addirittura "appesantito") le pessime aspettative che avevo su questa.

      Elimina
    8. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
    9. gino devi capire una cosa... :

      "sul "signoraggio", dove trovi un'informazione concisa, comprensibile da tutti, e che non taccia gli elementi obiettivi di critica al sistema moneta?"

      questi elementi di critica sono tutt'altro che obiettivi, per il momento sono solo tuoi personali, è assurdo pretendere di inserirli in una voce enciclopidica, sono opinioni tue.
      Sarebbe come se uno dicesse "secondo mel'università è inutile perchè costa", e pretende che venga scritto su wikipedia...

      Argomenta l'inutilità ed il presunto spreco delle banche centrali, che poi spesso fai confusione perchè per criticare strutturalmente il sistema monetario internazionale, parli dei problemi specifici di bankitalia o della bce...è una cosa ben diversa, sarebbe come criticare il concetto in se' di democrazia parlando degli scandali specifici di corruzione di un Paese...

      Poi, solo una volta sostenuta questa tua crociata contro le banche centrali a livello personale, se farai proseliti, e sarà una critica condivisa da più parti(magari a livello accademico, preferibilmente), potranno essere critiche degne d'una pagina enciclopedica.

      Prima d'allora ti toccherà accontentarti di parlarne a titolo esclusivamente personale, non enciclopedico. Mi sembra logico no?

      Elimina
    10. Sarebbe come se uno dicesse "secondo mel'università è inutile perchè costa", e pretende che venga scritto su wikipedia...

      Concetto corretto e che sposo appieno, peccato che uicchipedia sia stracolma di voci che rispecchiano solo le opinioni (anche su dati oggettivi) di chi le ha scritte.

      Elimina
    11. Una voce enciclopedica (molto in teoria) dovrebbe essere "oggettiva". Per sua natura una voce come "politica economica" non potrebbe mai entrare in una enciclopedia perché qualsiasi cosa si scriva è sempre un'opinione o personale o di una scuola (e invece di robe del genere ne trovi a bizzeffe).

      Non so se concordi, ma una "enciclopedia" non credo debba essere un libro di testo, tantomeno di stampo universitario; dovrebbe mettere in grado chiunque di formarsi un'opinione su un argomento a lui sconosciuto.

      Naturalmente queste sono solo "aspirazioni" nulla è perfetto a questo mondo.

      Visto che insisti ti trascrivo cosa avevo proposto di mettere. Così tu potrai indicare a ragion veduta cosa c'è di non oggettivo e non documentato (purtroppo l'edit è sparito)

      ---------------------------

      Complotto del signoraggio in Italia

      Sintetizzando da http://www.bancaditalia.it/bancomonete/signoraggio per signoraggio s’intende ciò che lo Stato ricava dal valore della moneta emessa, dedotto il costo sostenuto per la sua emissione e/o per la sua gestione. Nel caso della moneta metallica (che è emessa direttamente dallo Stato) il signoraggio consiste nella differenza fra il valore della moneta e il suo costo di produzione. Diverso è il caso della moneta non metallica perché essa viene generata dalla Banca d'Italia e da essa immessa nel mercato comprando soprattutto titoli. Questi impieghi fruttano guadagni, anch'essi tecnicamente chiamati 'signoraggio' perchè, una volta pagate le tasse, le spese, fatti eventuali accantonamenti eccetera, questi guadagni ritornano allo Stato, così come si può, ad esempio, verificare a pag. 502 di http://www.bancaditalia.it/pubblicazioni/relann/rel05/rel05it/rel05_bilancio.pdf L'ammontare della moneta emessa (che, se non a riserva, genera continuamente "signoraggio") compare nel conto Moneta in Circolazione che è bilanciato dai conti che contengono i titoli acquistati (o da altri conti in caso di diversi investimenti o da riserve costituite).

      Tuttavia da più parti, anche politiche, si afferma che la Banca d'Italia conseguirebbe guadagni illeciti.

      a) Tutti i guadagni inerenti l’emissione della moneta vengono incamerati dalle Banche Centrali. Ciò non corrisponde alle risultanze contabili. Si vedano (sempre a pag. 502 di
      http://www.bancaditalia.it/pubblicazioni/relann/rel05/rel05it/rel05_bilancio.pdf) alcuni valori significativi: nel 2005 il conto “Moneta in circolazione” risultava attorno ai 95.000 milioni di euro che avranno generato entrate per circa 2.000 milioni di euro (essendo allora i tassi attorno al 2%
      http://www.bancaditalia.it/banca_centrale/operazioni/titoli/tassi/bot_ann/bot%2520annuali%25202005.pdf ). I costi di funzionamento (stipendi, ammortamenti, pensioni, …) risultavano di circa 1.600 milioni e il ritorno allo Stato fu di 30 milioni, cifra giustificata dagli importi di altri conti (accantonamenti, imposte, …). Si noti che anche le imposte costituiscono un ritorno di signoraggio allo Stato. A quella pagina si può anche verificare l'entità (modesta) degli utili assegnati alle banche private detentrici del capitale della Banca d'Italia. In rete, sono disponibili anche i bilanci degli altri anni e, osservando i bilanci degli anni dal 2001 al 2007, non si vedono differenze sostanziali.

      b-1) Tutto il debito pubblico è generato dalla moneta emessa dalle Banche Centrali. Ciò non è vero, il debito pubblico è generato dall’accumularsi dei disavanzi dello Stato cui le Banche Centrali contribuiscono solo coi loro costi. Poi, sempre osservando il bilancio della Banca d’Italia del 2005 si vede che la “Moneta in circolazione” era di 95 miliardi a fronte di un Debito che già si avviava verso i 2000 miliardi.

      ....continua

      Elimina
    12. ......
      b-2) Il debito pubblico potrebbe essere cancellato con un tratto di penna. Ciò non è possibile: in Italia nel 2005 al massimo si potevano stornare 95 miliardi di titoli a fronte dei quasi 2000 di debito. Ma questo, a parte la distruzione degli strumenti che le Banche Centrali usano per la gestione della politica monetaria http://it.wikipedia.org/wiki/Politica_monetaria , non avrebbe determinato alcun vantaggio economico per lo Stato perché ad esso sarebbe poi toccato di dover sostenere i 1.600 milioni di costi di funzionamento della Banca Centrale.

      c) Il denaro sarebbe emesso “a debito” dei cittadini, prova ne sarebbe che il conto Moneta in Circolazione compare “nel passivo”. Ciò non è vero. Si consulti la voce http://it.wikipedia.org/wiki/Partita_doppia (ora non c’è più, i “vikipediani” hanno fatto sparire anche questo) dove è esposta una breve, ma esauriente descrizione del meccanismo delle registrazioni contabili e si comprenderà che al momento della generazione di moneta la Banca Centrale dovrebbe scrivere CASSA a MONETA IN CIRCOLAZIONE (supponendo che depositasse la moneta in cassa), scrittura del tutto simile a CASSA a CAPITALE NETTO, scrittura tipica di un'azienda che procede ad aumentare il suo capitale (cioè, qualcuno "dal di fuori" mette soldi a disposizione dell’azienda, così come succede al “mercato” quando la Banca Centrale immette moneta). Poiché CAPITALE NETTO e MONETA IN CIRCOLAZIONE sono conti “patrimoniali” essi vanno nel passivo dello “stato patrimoniale” così come ci vanno i debiti verso i “Fornitori” che sono veri debiti, mentre gli altri due non lo sono (sono solo il “riflesso” di denaro messo a disposizione, cosa facilmente comprensibile una volta afferrato il meccanismo della partita "doppia").

      d-1) Si dice che tramite il meccanismo della "Riserva Frazionaria" http://it.wikipedia.org/wiki/Riserva_frazionaria le Banche Ordinarie genererebbero anch’esse denaro a loro favore. Ciò non è vero, in http://it.wikipedia.org/wiki/Moltiplicatore_monetario ) si vedrà che il denaro è sempre generato a nome “di clienti” delle banche, fatto che può anche essere brevemente descritto come segue: “100 euro di carta generano una circolazione di euro molto maggiore. Difatti supponi che i 100 euro siano nelle tue tasche e che tu li depositi in Banca. La Banca scrive che tu hai diritto di ritirarli quando vuoi, ma si sa per esperienza quanto ‘mediamente’ si lasciano giacenti i propri soldi. Supponiamo che l’esperienza dica di tenere una “riserva frazionaria” del 10%, allora la banca di quei 100 ne può prestare 90. Chi riceve in prestito questi 90, li spenderà in vari modi, comunque alla fine qualcuno li rimetterà in banca, magari non tutti perché una parte qualcuno li vorrà tenere liquidissimi per comodità o in vista di qualche speculazione. Diciamo allora che ritornino in banca 80. Ebbene anche questi possono essere prestati, sempre dedotta la riserva, grosso modo 72 di cui ne torneranno in banca diciamo 65 di cui a loro volta supponiamo 58 possono essere prestati e così via fino a che non ritorna in banca una briciola insignificante e la cosa s’arresta. Certo tu potresti dire che gli euro di carta sono sempre e soltanto 100 anche se ora nei conti delle banche ne risultano scritti 100 di Tizio, 80 di Caio, 65 di Sempronio eccetera eccetera ai quali occorre poi aggiungere quelli in forma ‘liquidissima’ non rientrati in Banca. Sì, è vero che gli euro di carta sono solo 100, ma molti pagamenti avvengono via assegni, bonifici, bancomat e tutto questo si traduce in pure registrazioni contabili senza che sia necessaria l’esistenza di denaro emesso dalla Banca Centrale”

      ....continua

      Elimina
    13. .....

      d-2) Grazie al denaro generato per effetto della riserva frazionaria, le banche ordinarie, prestando questo denaro, lucrerebbero interessi indebiti (c’è che definisce questo effetto, e a volte anche il precedente, come “signoraggio secondario”). Tesi inconsistente perché la banca ordinaria chiede un prezzo a fronte di una operazione di credito che ha costi e ha rischi di insolvenza che vanno evidentemente pagati qualsiasi sia l’origine e il supporto (cartaceo o virtuale) del denaro movimentato.

      e) Il debito pubblico non esisterebbe se il potere di emettere moneta fosse attribuito allo Stato (Sovranità popolare della moneta). Questa tesi non riguarda il “signoraggio” ma attiene alla sfera della Politica Monetaria http://it.wikipedia.org/wiki/Politica_monetaria e della Politica Economica http://it.wikipedia.org/wiki/Politica_economica e a queste voci conviene fare riferimento. Tuttavia è evidente che emettere denaro per coprire buchi di bilancio è una politica che può essere suicida se non eseguita in modo opportuno (difatti non si può escludere l'utilità delle politiche "keynesiane" in determinate situazioni)
      http://it.wikipedia.org/wiki/Teoria_generale_dell'occupazione,_dell'interesse_e_della_moneta

      Sintetizzando dai vari link proposti si può constatare quanto segue.

      Il compito di emettere la moneta non metallica (la gran parte della Moneta in Circolazione) è stato affidato dal potere politico alle Banca d'Italia affinché una istituzione specializzata abbia la gestione della politica monetaria e si eviti perciò che i politici siano indotti ad emettere danaro in eccesso col rischio di causare troppa inflazione. Infatti in Italia la Banca Centrale è un ente dove il capo è di nomina pubblica, ma è anche indipendente dal potere politico appunto perché non si corra il rischio di emissioni eccessive. Normalmente i titoli acquistati sono "titoli di Stato", è perciò evidente che un'eccessiva emissione di titoli da parte dello Stato (cosa che determinerebbe un eccesso di "debito pubblico") è da addebitare allo Stato e non alla Banca Centrale, anche se la Banca Centrale, regolando i suoi acquisti di titoli, può parzialmente frenare comportamenti non opportuni dello Stato stesso. La teoria e l'esperienza confermano che non è bene sia il “Governo” a gestire la "sovranità monetaria" in prima persona http://it.wikipedia.org/wiki/Iperinflazione tuttavia è lecito ritenere che la Banca d'Italia possa essere diversamente costituita, governata e controllata, ma questo è un problema “politico”, non giuridico perché, se tale fosse, la magistratura avrebbe già autonomamente provveduto. E' vero che l'unione monetaria europea pone vincoli ad interventi politici interni, ma ciò non ha nulla a che fare con la libertà di giudizio sulla efficacia e sulla efficienza del sistema monetario e bancario nel suo complesso. Neppure ciò deve impedire di riflettere sul sistema né la libertà di fare eventuali proposte migliorative. Quello che invece non dev'essere consentito è l'esternare dei sospetti senza indicare, non solo le prove, ma a volte senza indicare neppure il "meccanismo" che potrebbe consentire ciò che si sospetta.

      --------------------------------

      Elimina
  3. X GIAN e MPS: avrai senz'altro formalmente ragione, ma sono controlli che vanno fatti

    Anzi, tutto il sistema dei controlli va rifatto di sana pianta: occorre un quarto potere democratico di controllo, meglio se istituito a livello europeo e la BCE andrebbe bene per cominciare.

    RispondiElimina
  4. solito minestrone del solito gino...

    RispondiElimina
  5. Senza cercare chissà quale complotto il fatto che l'Euro sia una moneta forte che inflaziona poco rappresenta secondo me un problema per gli stati periferici d'Europa...faccio un esempio: un paese come la Grecia, la cui economia si basa su yogurt e turismo (per semplificare), si ritrova una moneta più forte del dollaro USA, non è un paradosso?
    Situazione non dissimile da Spagna ed Italia le cui economie non giustificano la forza della moneta che utilizzano...questa situazione se non risolta secondo me porterà alla rovina dell'Europa del Sud

    Saluti
    Arrigo

    RispondiElimina
  6. Rado il fico
    "Concetto corretto e che sposo appieno, peccato che uicchipedia sia stracolma di voci che rispecchiano solo le opinioni (anche su dati oggettivi) di chi le ha scritte."

    si ma non significa che "siccome in altre voci lo fanno si può fare anche su questa".

    gino "Per sua natura una voce come "politica economica" non potrebbe mai entrare in una enciclopedia perché qualsiasi cosa si scriva è sempre un'opinione o personale o di una scuola "

    basterebbe scrivere cos'è per definizione la politica monetaria, come funziona, quali enti se ne occupano, e le principali scuole di pensiero a riguardo.
    Questa è una voce enciclopedica.

    Arrigo, pienamente d'accordo con te.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. politica economica scusa*

      Elimina
    2. si ma non significa che "siccome in altre voci lo fanno si può fare anche su questa".

      Infatti mica intendevo dire quello: volevo dire che non mi meraviglio che un contributore si senta "autorizzato" a farlo se lo vede fatto (e implicitamente consentito, giacché non cancellato) in altre voci. E che pertanto possa non comprendere perché poi gli venga contestata la "personale visione" che ha scritto di una voce.

      Poi è noto che in uicchipedia vale solo una regola: finché non tocchi la casta degli amministratori, vivi tranquillo, a prescindere da quel che scrivi.

      Elimina
  7. Vendemmia, il mio commento inerente il "Complotto del signoraggio in Italia" è oggettivo o non lo è? I link sono sufficienti e attendibili? Descrive chiaramente il funzionamento della Banca d'Italia? Sono esposte chiaramente le tesi dei complottisti? Le relative confutazioni sono esatte? Manca qualcosa di fondamentale? E' lecito affermare che tutto è migliorabile? E' giusto dire che non si possono fare accuse senza prove?

    Poiché pensi di no (altrimenti avresti chiesto scusa) perché non ribatti punto per punto?

    ----

    Rado, se una facoltà di medicina costasse il doppio di altre e ne uscissero medici che accoppano tutti i loro pazienti, questi sarebbero fatti oggettivi. Se la facoltà fosse economica, di oggettivo ci sarebbe solo il costo doppio perché i risultati non riguardano la scienza galileana, nondimeno sarebbe un fatto rilevante, o no?

    In questo blog si parla,legittimamente, di "opinioni" su come sia meglio operare in campo economico. Vikipedia è venuta fuori solo perché ho detto che chi sente parlare di "signoraggio" non trova in giro un'informazione semplice ed esauriente che possa metterlo in grado di giudicare. La natura umana è naturalmente portata ad immaginare complotti, vedasi la fortuna di gentaglia come Dan Brown.

    Uno un po' avvertito cerca di sentire anche l'altra campana, ma se trova gente che, mentre sbufaleggia, tesse le lodi del sistema monetario, cosa vuoi che s'immagini? Tutti oggi toccano con mano i casini combinati dalla finanza internazionale, dalle banche e compagnia bella. Una persona normale s'aspetta di sentire qualcuno che gli spiega perché siamo finiti nella merda. Se va in vikipedia o se viene in questo blog e trova spiegazioni (lunghe e complicate) sul perché i signoraggisti dicono cazzate mentre gli economisti e i banchieri sono mediamente giudicati brava gente, è normale che pensi che ci sta gente pagata dai potenti! O no?

    Ecco perché anche questo blog inavvertitamente rema a favore di Auriti.

    Hasta la vista,
    Il re dei minestroni

    RispondiElimina

Link Interni

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...