03 dicembre 2010

Sbandata di Annozero

L'articolo è stato aggiornato dopo la pubblicazione iniziale.


Ieri la puntata di Annozero in onda su Raidue ha trattato, oltre che la riforma dell'università, anche le problematiche con la "nuova" Fiat di Marchionne, la situazione degli operai e le proteste in quota Fiom.
Poi, ad un certo punto della trasmissione, il giornalista di Annozero ha presentato un test fatto da quattroroute, dove si paragonano tre auto dello stesso segmento: la Mini Cooper S, l'Alfa Romeo MiTo e la Citroen DS3 (video sopra).

Anche se la prospettiva dei servizi mandati in onda sembravano evidentemente mettere in rilievo tutti i lati che sembrano deboli del progetto Marchionne (addirittura avanzando problemi sul fatto che Sergio Marchionne non sia ingegnere, come gli altri amministratori delegati di grandi aziende straniere di auto, ma laureato in filosofia) non credevo si potesse arrivare ad un certo livello di scorrettezza: il test presentato ha mostrato dei risultati assolutamente parziali senza fornire nessun dettaglio sulle motorizzazioni prese in esame, le condizioni e la metodologia del test svolto. Ci si è limitati ad estrapolare i dati che mettono in cattiva luce il prodotto italiano.

L'Alfa Mito è un modello prodotto e presentato nel 2008, ha un look e design sportivo, che prende le mosse dal famoso modello 8c competizione, inoltre ha introdotto, quantomeno nel panorama italiano, alcune innovazioni elettroniche (tra cui anche la scelta di intervento dell'ESP, ESP che tra pochi anni sarà obbligatorio, come deliberato dall'Unione Europea) ed infine ha ottenuto uno dei massimi risultati sui test più quotati per la sicurezza stradale (punteggio NCAP).

Alcuni piccoli appunti sulla prova in pista svolta da Quattroruote, ed alcuni dettagli trascurati da Annozero:

  • Le motorizzazzioni delle tre "piccole" erano: allestimento Camden con il nuovo propulsore 184 cv per Mini Cooper S, allestimento Quadrifoglio Verde 1.4 TB Multiair 170 cv per Alfa Romeo MiTo e 1.6 THP Sport Chic 155 cv per Citroen DS3. Si nota subito come la cilindrata non sia propriamente la stessa per tutte e tre.
  • Nella prove in pista è stato disattivato l'esp per Citroen e Mini Cooper, la Mito non ha la possibilità di disattivare in maniera completa l'assistenza elettronica (ha un sistema brevettato DNA Alfa in grado di selezionare tre diverse impostazioni). Questo dato è fondamentale, ed ognuno può valutare i lati positivi e negativi (legge sull'ESP, sicurezza stradale, possibilità di selezione dell'intervento elettronico etc.)
  • La votazione finale di Quattroruote è stata:
    85/100 MiTo
    83/100 DS3
    82/100 Mini
  • Quattroruote inoltre scrive: "MiTo e DS3 affrontano l'inossidabile Mini sulla nostra pista. Tra i cordoli vince l'anglo-tedesca, ma nella vita di tutti i giorni è meglio l'italiana".
  • Come ha scritto la rivista AlVoltante: "E poi, possibile che per voi la sfida si riduca a verificare quale delle tre vetture sia la più veloce in circuito? Tutte le altre qualità importanti per la valutazione di una vettura come affidabilità, comfort, stabilità, consumi, sicurezza eccetera, non le consideriamo? E infine, ritenete di aver contributo alla sicurezza stradale facendo passare in tv una gara fra tre piccole sportive (proprio quelle auto che, spesso, finiscono in mano ai giovani)?"
  • Il "vero" test di Annozero, che sarebbe quello col pilota di TopGear, che fine ha fatto? E a cosa è servito se poi hanno mostrato i dati (parziali) di QuattroRuote?
Con questi dati aggiuntivi, mi sembra un pò eccessivo attaccare la Fiat e le vetture dell'Alfa Romeo.
Per concludere, qui sotto un video che, lungi dal ribaltare risultati o fare il tifo, fa capire in definitiva che la sbandata sembra averla presa più Annozero che l'alfa Mito.




Aggiornamento: Ne parla in un articolo anche la rivista Al Volante.

Aggiornamento 2: Fiat chiede i danni ad "Annozero".

Aggiornamento 3: Rai e Formigli condannati a risarcire per danni.

(sugli incentivi si veda anche questo articolo)


14 commenti:

  1. Assolutamente d'accordo. E' stato un test mistificatorio, parziale, in una parola: vergognoso.

    RispondiElimina
  2. Fiat ha una certa tradizione di ingegneri a capo di aziende, e forse non è un'esperienza positiva se Marchionne ha detto a chi lo chiamava ingegnere: fossi stato ingegnere non avrei salvato la Fiat

    Poi a Formigli, che quando vede un'auto veloce tende all'orgasmo, forse non hanno spiegato un paio di cosette.

    La prima è che esistono i limiti di velocità e le case automobilistiche non costruiscono le utilitarie allo scopo di permettere a chi le possiede di gareggiare in autostrada

    La seconda è che il gruppo Fiat possiede quell'aziendina a Maranello che negli ultimi anni ha sempre tenuto dietro, nelle gare di F1, costruttori come Mercedes, Renault, Toyota, BMW.... quelli fanno davvero le gare, non i ragazzi con l'Alfa Mito

    RispondiElimina
  3. Se la fiat chiude è un bene per tutti. Ci saranno più finanziamenti pubblici da investire in altre aziende più sane e produttive.

    RispondiElimina
  4. e anche 100.000 disoccupati in +

    RispondiElimina
  5. Neanche io ho apprezzato particolarmente il test, nonostante segua con interesse e apprezzamento annozero, proprio perchè ricordavo l'articolo completo.
    Però bisogna fare qualche considerazione. ESP o no la mito in quel test le ha prese oggettivamente da una macchina con quasi venti cavalli in meno. Non era una mito qualsiasi: era la QV. Se io compro la QV, lo faccio per avere una hot hatch, altrimenti c'è la 135 cv che va altrettanto bene e costa meno. Bisogna mettersi il cuore in pace, la Mito non è una supersportivetta (vedi anche EVO di ottobre). Marchionne su quattroruote di luglio diceva che l'alfa "non potrà più essere quello che è stato". E' una scelta vincente e intelligente per una marca che ha sempre avuto come tag line "cuore sportivo"? Penso che il senso del servizio di annozero fosse soprattutto questo.

    RispondiElimina
  6. Attenzione: la MiTo non è assolutamente una Quadrifoglio Verde, in quanto dal video si vede bene che non ha l'apposito badge sulle fiancate! Si tratta semplicemente della versione da 135 cv, è una prova vergognosa!
    vioè allora l’ad di Nissan che vende come il pane si deve dimettere perchè la Quashai è più lenta della Kuga???
    e la qualità?
    e la sicurezza?
    e i consumi?
    e i prezzi?
    e il bollo?
    e la dotazione?

    RispondiElimina
  7. Motori24, purtroppo la consultazione della prova di quattroruote è a pagamento. C'è un modo per vedere i dettagli?
    Si, in effetti se non fosse la QV sarebbe vergognoso, ma non credo sia così...

    RispondiElimina
  8. Mattia, io invece credo proprio che sia così, in quanto sul parafango anteriore di ogni Quadrifoglio Verde è presente l'apposito logo, quindi...

    RispondiElimina
  9. lo è, lo vedi dai fari bruniti...e su auto la qv ci faceva la stessa figura paragonata con la ds3 e con la mini(che però in quella prova era la clubman...per giunta...)

    RispondiElimina
  10. Ho controllato, dev'essere per forza la QV perchè i dati del test riportano i 170cv, che son presenti solo nell'allestimento QV.

    La cosa poco degna è, come fa notare anche l'articolo di AlVolante, che due dati estrapolati e messi in croce mettano in luce la scarsa capacità manageriale di Marchionne con il marchio "sportivo"?
    "E poi, possibile che per voi la sfida si riduca a verificare quale delle tre vetture sia la più veloce in circuito? Tutte le altre qualità importanti per la valutazione di una vettura come affidabilità, comfort, stabilità, consumi, sicurezza eccetera, non le consideriamo? E infine, ritenete di aver contributo alla sicurezza stradale facendo passare in tv una gara fra tre piccole sportive (proprio quelle auto che, spesso, finiscono in mano ai giovani)?"

    Inoltre il "vero" test di Annozero che sarebbe quello col pilota di TopGear, che fine ha fatto? E a cosa è servito se poi hanno mostrato i dati di QuattroRuote?

    RispondiElimina
  11. non sanno più che pesci pigliare per sfasciare tutto. Distruggiamo l'Italia e tutto ciò che la rappresenta nel mondo tanto chi se ne frega, se loro non ne fanno parte è una cosa da abbattere.

    adesso c'è da abbattere marchionne e la fiat con ogni mezzo possibile, già da un pò senti ragazzine di 15 anni che non sanno nemmeno come si chiamano parlare male della fiat e dei soldi che hanno preso... ma che cosa ne possono mai sapere loro di come andavano le cose.

    quest'uomo va fermato prima che succeda qualcosa, semina solo odio, odio puro e zero soluzioni, parla senza ascoltare e sovverte la realtà delle cose. ha messo contro gli italiani per fare ascolti.

    RispondiElimina
  12. molti esponenti politici, specie chi coltiva i rapporti con le iìpiccole imprese, sostengono le stesse cose ormai da anni

    Sugli incentivi a suo tempo avevo scritto questo:

    http://econoliberal.blogspot.com/2010/02/i-misteri-degli-incentivi.html

    RispondiElimina
  13. ottima disamina Gian

    RispondiElimina
  14. Annozero querelato...

    http://www.corriere.it/economia/10_dicembre_07/fiat-causa-annozero_b3abeda8-01f4-11e0-afab-00144f02aabc.shtml

    RispondiElimina

Link Interni

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...